Email this sample to a friend

Ronnie camminava spedito, guardando dritto avanti a se. Un altro giorno in quella fabbrica di idioti che era la buona vecchia Scuola Elementare di Barkersville era andato. Lo attendevano l’intera serata, ed un lungo cammino tra lui e casa. Nient’altro che i suoi piedi e l’odore delle foglie umide, dell’erba fresca e della melma sulle sponde del fiume. Ed un delizioso scorcio di cielo primaverile sopra la sua testa.

Avrebbe potuto rallentare, ritardare di un po’ il suo ritorno in quell’inferno domestico che sarebbe stata la sua casa, perché tra qualche istante avrebbe svoltato la curva e sarebbe passato accanto alla cosa in cima alla collina, quella cosa a cui non voleva pensare; quella a cui non poteva proprio smettere di pensare, perché ci passava davanti due volte al giorno.

Perché non poteva essere come gli altri ragazzi? I genitori li venivano a prendere sulle loro Mazda e Nissan nuove fiammanti, li portavano al Centro Commerciale, li accompagnavano agli allenamenti di calcio e infine li scaricavano davanti alla porta di casa. Tutto quello che dovevano fare, a quel punto, era salire un gradino, entrare, rimpinzarsi con una cena riscaldata nel microonde e chiudersi nelle loro camerette, per rovinarsi il cervello con la tv o la Nintendo per tutta la sera. Loro non dovevano avere paura.

Beh, sarebbe potuto andare peggio. Lui almeno ce l’aveva un cervello, ma non era una cosa di cui andare troppo fieri. La sua “intelligenza iperattiva” gli causava un sacco di guai a scuola, anche se però era piacevole quando gli altri ragazzi, soprattutto Melanie, gli chiedevano aiuto in Inglese.

Così poteva contare sul suo cervello ogni giorno, anche se soffriva di quelli che il Consulente Scolastico chiamava “pensieri negativi”. Quantomeno, aveva dei pensieri. Diversamente da quel fessacchiotto di un fratello minore là dietro, che non aveva abbastanza buon senso da capire che quel tratto di strada non era un buon posto in cui fermarsi a bighellonare.

Hey, Ronnie.” Suo fratello lo stava chiamando, e la sua voce sembrava provenire dalla cima della collina. Il fessacchiotto non si era fermato, vero?

Previous Page Next Page Page 2 of 338